SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Nascondersi dietro la movimentazione dei giovani

Se è ormai consolidato il recente messaggio, lanciato dal mondo contradaiolo all'osservanza perpetua del cerimoniale del salsicciolo cotto sul braciere, non si comprende il motivo per cui, ancora, molti onorandini preferiscano nascondersi dietro il classico dito anziché aver coraggio di affrontare a viso aperto la questione.

E' pur vero che, urtando il volere scaturito dalla cultura del quattrogiornista, venga posta in serio pericolo la propria candidatura nelle imminenti elezioni interne, ma questa sfaccettatura non ci sembra possa coniugarsi con quell'orgoglio di appartenenza che si pone alla base del più schietto sentimento contradaiolo.

Insomma, una parte degli attuali onorandini ha decisamente paura delle contromisure che domani sera il popolo incontrollabile dei giovani, nato e proiettato nel bercio e nel dorso nudo (anche in autunno?), potrebbe architettare anche nell'immediato futuro.

E' naturale, di conseguenza, lasciare spazio all'incontrollabile movimentazione dei giovani, senza neppure porsi l'interrogativo di chi sia la colpa per aver aperto le braccia all'accoglienza di questa incontrollabile movimentazione giovanile. Se solo si fosse saputo correggere certe vie d'entrata, incanalandone con la conoscenza diretta di ciò che si è e che si dovrà essere, non ci saremo trovati a dover aspettare domani.

L'occasione, per gli onorandini timorosi ed alcuni anche espressione della cultura quattrogiornista, era quella di rispedire la richiesta al mittente (leggi Luigi De Mossi), perché certe decisioni necessitano di un adeguato e tempestivo esame che va al di là del berciume quattrogiornista.

Allora, che Palio in più sia; perché se a sovvertire le leggi e le consuetudini debbano essere i berci, ed una cultura effervescente di sola immagine, è giusto e corretto che sia così.

Appare anche superfluo soffermarsi su un semplice calcolo matematico: dire di sì' e partecipare al sorteggio, sognando di appendere il drappellone, non sempre risulta essere in perfetta sintonia con la scienza esatta della matematica. Si vince solo se si corre; ma a non correre saranno sette Contrade, nelle quali i quattrogirnisti potranno sempre prendersela con il rispettivo onorandino. Si torna sempre lì.

10 settembre 2018