SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

C'è e ci sarà un solo responsabile: Luigi De Mossi

Sgombriamo subito la nebbia dal cielo e rendiamolo pulito come sarà fino a metà ottobre: se si correrà, e si dovrà correre, a metà ottobre le responsabilità sono e saranno, anche nei futuri mesi, solo ed esclusivamente di Luigi De Mossi. E' sua, e solo sua, la responsabilità diretta, senza se e senza ma, dell'attivazione dell'art. 2 con il conseguente invio agli onorandini di organizzare le 17 assemblee.

Al di là della mancanza di appoggio da parte sia di Diodorina, che se ne va, che dell'ufficio scimmiottamento, che nulla sa del Palio di Siena, Luigi De Mossi aveva tutte le carte in regola per ringraziare questa sconosciutissima associazione del territorio, facendo presente alcuni punti fondamentali della richiesta "manifestamente infondata": 1) l'iter seguito (la lettera è stata inoltrata ad un assessore e non al Sindaco); 2) la motivazione (non si festeggia una ricorrenza come evento sovra-naturale); 3) i tempi di inoltro della richiesta (una settimana prima della fine del mese di agosto); 4) la mancanza di sostegno economico; 5) la situazione riferita ai provvedimenti disciplinari in essere.

L'articolo 2 del Regolamento del Palio è stato volontariamente violato da Luigi De Mossi, che non può rifugiarsi dietro il "volere sacro delle Contrade"; sarebbe troppo semplicistico per un personaggio che, fino al 30 agosto, aveva dato motivo di concretezza paliesca.

A questo punto, per far emergere tutte le dirette responsabilità dell'operato di Luigi De Mossi, ci auguriamo proprio di cuore che martedì 11 si arrivi alla soglia delle 10, o 11, Contrade favorevoli, con il voto di Nicchio e Tartuca; aprendo così lo scenario ad un fronte dal quale Luigi De Mossi non potrà sfuggire, né nascondersi come ha fatto il 30 agosto.

5 settembre 2018