SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Il Palio è un "gioco" serio, non un giocattolo da improvvisati quattrogiornisti

Nella sua esistenza sociale, antropologica, storica, cattolica ed anche culturale, il "Palio" è un gioco, ma un gioco serio che va ad incidere in modo profondo su quegli ingranaggi nelle persone comuni che si innescano non tanto otto giorni all'anno, ma richiamano l'attenzione in un raggio più ampio e più profondo.

Certo il Palio non può essere considerato la vita in assoluto in ciascuno di quegli ingranaggi di persone a cui accenniamo; ma, essendo un gioco serio, richiede la necessaria attenzione da chi, questo gioco, ha l'obbligo di tramandarlo di generazione in generazione e senza paraventi occasionali che si possono inserire nel percorso.

Il gioco è serio solo perché è serio; è serio perché affonda l'esistenza dentro le coscienze di ciascuno di noi e sfocia in quegli atteggiamenti, che, pur plateali e molto aderenti al narcisismo dell'attualità odierna, costituiscono le basi di una fondamentale credenza di appartenenza e di orgoglio per il possesso delle lastre della città.

Serietà, orgoglio, cultura e voglia di continuare ad essere se stessi in un innescarsi di sensazioni che non ci sembra giusto vengano ad essere intaccate da farfalle che, di volta in volta, svolazzano attorno a Palazzo.

Non ci sembra giusto, ma soprattutto non è serio, analizzare in piena segretezza politico-partitica una farfalla che svolazza e che esalta il movimento quattrogiornista delle 17. Più uno, Palazzo.

1 settembre 2018