SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Il Magistrato può subito rigettare la richiesta come fece nel 1992

I tempi di attuazione dell'iter per l'effettuazione di un Palio straordinario sono ben scanditi dalle norme del Regolamento e su queste vanno elaborati tutti i relativi passaggi. Per prima cosa va evidenziato che l'ente "titolare" per decidere se un Palio straordinario possa effettuarsi, con la relativa data, è il Consiglio Comunale, ma solo se nella prima fase di consultazione le adesioni toccano quota 10. Se i favorevoli, come sembra dalla prima stima eseguita dalla nostra non numerosa Redazione, sono 8, o 9, il Palio straordinario della Guerra mondiale n. 1 scivolerà, con clamore, subito negli archivi senza se e senza ma.

La procedura di attivazione delle regole spetta alla Giunta che con il suo atto ha dato il via al primo passaggio operativo. La decisione, come abbiamo subito analizzato ieri, è decisamente stonata rispetto alla motivazione, ai tempi di proposta e alla mancata completa (o quasi) copertura delle spese. Ogni Palio costa alla comunità senese 500 mila eurini.

Il Magistrato dei 17 ha, comunque, l'occasione di andare incontro a Demossituttoattaccato evitandogli che batta al canape con il posteriore. L'occasione è quella di ripercorrere la strada del settembre 1992, allorché la Giunta Piccini decise di richiedere il parere ai 17 sulla possibilità di effettuare un Palio straordinario per la ricorrenza dei 500 anni della scoperta d'America.

Se è vero che Piccini era pronto ad accogliere l'effettuazione del Palio, dopo le decisioni non ufficiali emerse nella riunione di Giunta, è altrettanto vero che lo stesso Sindaco aveva indirizzato i 17 onorandi ad assumere una posizione di rigetto della richiesta.

Così avvenne e così, ci auguriamo, avvenga anche adesso. Infatti, i 17 hanno la possibilità di far emergere tutta una serie di considerazioni che vanno dallo stato "in attesa" per quanto riguarda le sanzioni della giustizia paliesca, al tempo necessario per le Contrade di attendere 15 giorni, o giù di lì, per indire le proprie Assemblee generali, per finire con "il doveroso rispetto dei ritmi e dei rituali necessari per il corretto svolgimento della celebrazione del suo complesso".

Le stupidità di facebooke al riguardo fanno parte della cultura dei quattrogiornisti; ma i 17 onorandini possono realmente tendere una mano a Demossituttoattaccato.

1 settembre 2018