SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Il Libro Ciclamino. La necessità di partire bene con la giustizia paliesca

Le comiche commedie che si sono registrate sotto la gestione di Brunetto Nostro, e con i suoi due giudici palieschi, devono far riflettere profondamente chi, eventualmente, sarà chiamato lunedì 25 giugno a doverlo sostituire in Palazzo.

La giustizia paliesca deve essere il motore trainante della completa riformattazione dell'organizzazione paliesca in Palazzo, perché i provvedimenti sanzionatori contengono l'impatto più evidente nell'opinione paliesca, al di là di ogni ritocco regolamentare.

Padellare la giustizia paliesca significa non solo affossare per un intero anno questo delicatissimo segmento paliesco, ma, al tempo stesso, significa proseguire su un livello già sfruttato in precedenza, e con abbondanza di particolari, da Brunetto Nostro; per il quale le responsabilità sono da attribuirsi alle relazioni di deputatini ed ispettorini.

Non si può certo pretendere che Brunetto Nostro avesse potuto comprendere sia l'importanza di formare una "sestina" tra le Contrade rivali, sia attendere, per le nomine di Provenzano, l'esito del ballottaggio del 24 giugno. Argomenti di natura troppo sofisticata, anche con l'inesistenza assoluta di "spiegazioni" da parte dell'Ufficio scimmiottamento. E' però certo pretendere, eventualmente da chi lo sostituirà per il prossimo quinquennio, che comprenda quanto risulti fondamentale per l'applicazione delle regole dare un netto segnale all'intero meccanismo paliesco, provvedendo, proprio, con la sostituzione della "sestina".

Portare sul tufo sei persone che, tra loro, si "osservano" anche nella punteggiatura delle frasi e dotarli di un "manuale" su come deve essere scritte le relazione, significa, fin dall'inizio, far capire a tutti che le problematiche sanzionatorie ripartono da zero senza tener conto dei cosiddetti precedenti, attraverso i quali gli "avvocati palieschi" giocano le proprie carte; opposte a quelle con cui deve giocare il Comune: chi sbaglia paga. Così, semplicemente.

4 giugno 2018