SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Insicurezza in Piazza: è caos completo con il diretto coinvolgimento degli onorandini

I romani universitari hanno fatto flop, trascinandosi dietro tutto quell'apparato di insicurezza pubblica che faceva, e fa, capo ai Vigili del Fuoco. Il flop è clamoroso perché, dopo due rinvii, quello di mercoledì e ieri, è stato deciso di non presentare alcun prototipo delle aperture, come era stato anticipato. Lo studio degli universitari romani è destinato, vista la pericolosità che avrebbe creato nei confronti di cavalli e spettatori, a rincorrersi solo nei polverosi archivi di Palazzo.

Cosa si farà è ancora tutto da decidere e stabilire. Gli stessi vicoli Borsaioli e Pollaioli non hanno ancora trovato soluzioni, in quanto le eventuali ringhiere di salvaguardia per i palchi confinanti sono ancora lungi dall'essere studiate e messe in opera. Da fonti di palazzo si apprende che dovrebbero essere raddoppiati i cancelli, azionati dal personale (quindi a mano, come avviene da secoli). di accesso al tufo. Anche questa soluzione sembra destinata ad infrangersi di fronte alla pericolosità del flusso più enorme verso il tufo da parte degli spettatori in Piazza.

Non si riesce a comprendere il motivo per cui si è voluto, dal dopo agosto, insistere su una piattaforma di sicurezza che non si poteva adattare alle esigenze di Piazza; non si comprende il motivo per cui i 17 onorandini si siano "messi a disposizione" dell'insicurezza pubblica senza mai studiare insieme le sfarfallate che arrivavano dalle voci dei tre pilastri dell'insicurezza in Piazza (Prefetto, Questore e Comandante Vigili Fuoco). Non si comprendono, altresì, tante comunicazioni distorte e frutto di assoluta impreparazione nella disamina di argomenti così delicati.

E così che, tra i perdenti in assoluto in questa fase, un postonm d'onore lo occupino i 17 onorandini e, in particolare, l'attuale cosiddetta deputazione mai all'altezza nell'affrontare i problemi, prospettando soluzioni in linea con l'essere "contradaiolo".

Adesso, se dovessero saltare sia il numero degli sprangati interni di Piazza, ulteriore spesa inutile ed ulteriore pericolo, sia le uscite di insicurezza dei vicoli, non sarebbe il caso di pensare alle dimissioni da parte di tutti questi fenomeni ed inutili onorandini?

1 giugno 2018