SUNTO

 Sunto non si compra ... si legge gratis - Dal 1976 l'informazione paliesca senza un briciolo di pubblicità -  contatti

1976-2016 = . Così, semplicemente       

 

 

Balaaaaaaanì: quello che rischia con l'ingiustizia paliesca

Dopo l'"assoluzione" per cambio di posto dello scorso anno nei confronti dell'Atzeni, ci prepariamo a vivere un'altra stagione di ingiustizia paliesca. D'altronde con l'attuale struttura amministrativa, e con la "gente" all'interno di un fatiscente Ufficio che dipende da Frate Palio ma che deve essere "firmato" da Fraticello Palio, c'è poco da attendersi.

Balaaaaaaanì, comunque, può rischiare grosso; anche una denuncia alla Procura per falsificazione di atti amministrativi, in quanto l'incapacità non è una materia di indagine penale.

Vanno fatte, però, delle premesse. Attualmente il Corpo dei Vigili Urbani è fortemente in tensione perché richiede sanzioni paliesche per ciò che è avvenuto al Casato al primo giro di agosto. Ma perché Balaaaaaaanì possa intervenire è necessario che quel video, visto da 74.839 "contatti", sia stato allegato alla Relazione dei Deputatini.

Ora, questi deputatinini, che dal Palco dei Giudici non possono vedere nulla e devono affidarsi a ciò che hanno scritto gli Ispettorini, pensate possano aver allegato il super-filmatone in considerazione del fatto che loro, i deputatini, si erano dimenticati di salire sul Palco dei Giudici per confezionare la busta della mossa? A nostro parere i tre deputatini nulla hanno allegato di ciò che non sia ufficiale, per cui il filmato dai 74.839 "contatti" resterà negli archivi del mondo digitale.

Balaaaaaaanì non può intervenire, con buona pace del Corpo dei Vigili Urbani. Ma Balaaaaaaanì stesso non interverrà nemmeno sulla mossa di agosto, in quanto in qualunque direzione si muoverà, incorrerà in una denuncia alla Procura di Siena, la cui "articolazione" è già pronta per essere depositata da parte degli interessati alle vicende.

Ed è logico ricorrere alla Magistratura ordinaria, lo doveva fare anche l'Onda due anni fa, perché in Palazzo regna la triplice faccia dell'ingiustizia. Triplice faccia che assume le sembianze di elezioni amministrative; raccomandazioni condite con leccamenti e minacce psicologiche; incapacità vera e propria di una materia così delicata.

In fondo Balaaaaaaanì ne uscirà meglio che del suo predecessore; quel Paolinoooooooo che notificava alla gazzillora i provvedimenti al Columbu. Ne uscirà meglio perché non potrà nemmeno analizzare, visti i precedenti dei capitanini di Nicchio e Lupa (luglio 2016), ciò che è accaduto sul Palco dei Giudici, oppure in occasione delle batterie della tratta del 2017.

Il nuovo Sindaco della primavera 2018 dovrà, con  estrema chiarezza e per scritto, cancellare tutti i rifderimenti ai "precedenti" del secolo che hanno trasformato la giustizia in aperta ingiustizia paliesca. Dovrà insomma essere chiaro: si riparte dall'applicazione delle norme scritte nel Regolamento del Palio, che nessuno, specialmente chi è chiamato a ricoprire l'incarico di deputatino, conosce.

Dopotutto anche la Magistratura ordinaria non avrà motivo di aprire alcun fascicolo al riguardo.

18 settembre 2017